title tag, John Mueller e riscrittura Google forzata
Share:
GoogleSEO - Search Engine Optimization

L’importanza dei Tag Title nella SEO e la riscrittura “forzata” da parte di Google

In questo articolo parleremo dell’importanza dei tag title nella SEO (search engine optimization), sulla motivazione dell’attività di riscrittura “forzata” da parte di Google e se è una buona idea adeguare il tag title a come Google lo riscrive nelle pagine dei risultati del motore di ricerca (SERP). Vedremo poi alcuni considerazioni di John Mueller (Webmasters Trends Analysts) di Google in merito a tale questione.

Tag Title SEO: cosa sono e perché sono importanti

I tag title sono elementi fondamentali per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e rivestono un ruolo cruciale nel fornire un’anteprima del contenuto di una pagina web agli utenti dei motori di ricerca. Essi appaiono come il “link blu” cliccabile nei risultati di ricerca e devono essere scritti in modo persuasivo e descrittivo per attirare l’attenzione degli utenti ed incoraggiarli a fare click sulla pagina web.

John Mueller di Google: chi è?

John Mueller è un “Webmaster Trends Analyst” di Google, una figura di spicco nel settore SEO e per i webmaster, il suo ruolo principale allo stato attuale è fornire supporto tecnico tramite i canali di comunicazione Google. John Mueller è noto per le sue risposte alle domande che gli vengono poste dal mondo SEO e dai webmaster, sia attraverso la partecipazione a sessioni di domande e risposte online che tramite i suoi interventi in diverse community e forum legati al web. Le sue opinioni e le sue indicazioni sono spesso prese con grande considerazione dalla comunità di webmaster e SEO per ottenere una maggiore comprensione sul funzionamento degli algoritmi di Google al fine di creare le migliori strategie di ottimizzazione.

Il ruolo del W3C e la definizione dei tag title

Un aspetto importante discusso da John Mueller riguarda il ruolo del World Wide Web Consortium (W3C) in particolare nella definizione dei tag title. Il W3C stabilisce gli standard dell’HTML, e Google segue in gran parte queste linee guida quando si tratta di titoli delle pagine web. Secondo il W3C, il titolo di un documento (rappresentato dall’elemento title) ha lo scopo di specificare cosa tratta quella specifica pagina web, fornendo una descrizione ampia del suo contenuto. Il titolo non fa parte del testo visibile nella pagina, ma è considerato una proprietà dell’intero documento.

In sostanza, il titolo di una pagina dovrebbe comunicare agli utenti e ai motori di ricerca di cosa tratta il documento nel suo insieme, in modo chiaro e sintetico. Questa definizione del W3C mette in evidenza l’importanza di creare titoli descrittivi e rilevanti per ciascuna pagina web, in modo che gli utenti siano in grado di capire cosa tratta il contenuto ancor prima di fare click sul link.

Perché Google riscrive i title?

Una delle ragioni per cui Google riscrive i titoli delle pagine web è quando classifica una pagina per un sotto-argomento dell’argomento principale. Ciò può accadere se la pagina contiene una frase o una parola chiave rilevante per un particolare sotto-argomento, ma il titolo originale non lo riflette chiaramente. In questo caso, Google può riscrivere il titolo per renderlo più pertinente alla query di ricerca dell’utente e all’argomento per cui la pagina è stata classificata.

Nelle linee guida di Google si dice che: “Lo scopo del title è rappresentare e descrivere al meglio ciascun risultato.”
Indubbiamente se Google sta posizionando la pagina per un sotto-argomento dell’argomento principale, allora ha senso che Google cambi il title inserendo qualcosa che ritiene maggiormente rilevante per la query di ricerca, in quest’ottica potrebbe essere visto come un aiuto ai SEO manager piuttosto che una contrapposizione ed una pratica che limiti l’attività di ottimizzazione.

L’opinione di John Mueller sulla riscrittura dei title da parte dei SEO e sul nome del sito web

E’ stato chiesto a Mueller se sia una buona idea adeguare i title delle pagine web in base a come Google li riscrive nei risultati di ricerca (SERP). Un utente aveva notato inoltre che Google stava spesso rimuovendo il nome del sito dai titoli delle pagine web nei suoi risultati di ricerca ed ha voluto porre la domanda se inserire oppure no il nome del sito web nel tag title, per esempio: “Cosa è la SEO? | Nome sito web”. John Mueller ha risposto: “Non assumerei che una versione riscritta sia migliore (per la SEO o per gli utenti), e raccomanderei di mantenere nel title il nome del sito, perché rende più facile confermare il nome del sito che mostriamo nei risultati di ricerca…non lo cambierei solo per Google.”

Tag Title ed utilizzo dell’intelligenza artificiale

In relazione a come meglio scrivere i title, anche per prevenire la riscrittura da parte di Google e analizzare meglio il cuore dell’argomento trattato nel contenuto, l’Intelligenza Artificiale (IA) potrebbe venire in aiuto. In particolare, una strategia particolare per ottenere un riassunto conciso del contenuto di un articolo, potrebbe essere quella di chiedere ai vari plugin e software IA di estrarre le informazioni essenziali e creare un riassunto in 10 parole del contenuto della pagina. Tale attività strategica puo’ aiutare a velocizzare ed identificare il cuore del contenuto fornendo un’anteprima rapida della pagina web ed in seguito verificare ed in caso modificare al meglio il tag title.

Risorse collegate

registrazione dominio ed hosting

Domini, Hosting ed Assistenza

Ci occupiamo della registrazione domini e della gestione di hosting personalizzati e dedicati esclusivamente per i nostri Clienti. ToggleHosting e…
Continua